sabato 20 marzo 2010

Perdersi nel cortile di casa

Abito nel fondovalle. A nord la catena dei Lagorai, a sud l'altopiano di Asiago. Montagne conosciute. Eppure sentiamo cosa dice Gigi nei suoi "Racconti minimi" (Luigi Faggiani, Racconti minimi, Euredit, Trento 2003):
"Dal Bivio Italia percorriamo una vecchia strada militare, la cosiddetta Kaiser Karl Strasse, ancora completamente coperta di neve giungendo nei pressi del Baito Bordignon. Notiamo un largo sentiero, l'ennesimo tracciato militare, che si allontana in direzione della visibile Cima Dodici, consultiamo la cartina scoprendone il percorso che raggiunge il bivacco. Senza indugio imbocchiamo il nuovo percorso, cercando di stringere i tempi, il buio è prossimo. Purtroppo aggirato un cocuzzolo il largo sentiero termina, la neve copre e livella gran parte del terreno circostante.
Comincio ad innervosirmi perchè so di essere vicino alla meta. Sono già stato al Bivacco Lenzi, salendo però dalla Valle di Sella per il ripido ed impervio Vallòn delle Trappole. Percorrere l'altopiano innevato, con rilievi e depressioni, oltre che faticoso non è semplice. Guardo ancora la carta quindi, basandomi sulla posizione di Cima Dodici, dico all'amico che dobbiamo puntare dritti verso l'orlo dell'altopiano, solo così non avremo più problemi di orientamento. Giustamente Fausto mi fa notare che ormai è quasi buio e conviene essere prudenti dirigendoci verso una costruzione che abbiamo sulla nostra destra. Sulla carta è segnato come come bivacco, dovrebbe trattarsi del baito Cuvolin. Raggiungiamo il baito trovandolo in condizioni assolutamente disastrose. Decidiamo di tornare indietro e pernottare nel Bivacco di Bivio Italia, là almeno ci sono dei materassi, certamente malridotti ma sempre meglio di niente".
Se avessimo avuto il GPS saremmo arrivati senza problemi all'ormai prossimo bivacco Lenzi, certo! Ma allora non esistevano i GPS!

Nessun commento:

Posta un commento