domenica 22 maggio 2011

Sgombro e cipolle

C'è chi storce il naso e chi si autoconvince che si tratta di una schifezza: sono prodotti in scatola, industriali...
Ognuno ha i suoi gusti e così se Vasco Rossi si portava a scuola la Coca Cola, io mi porto in bivacco sgombri in scatola e cipolla di Tropea (guai a dimenticare il coltellino Opinel) e un'ex boccetta di profumo piena di aceto.
Quasi tutti i bivacchi hanno qualche stoviglia ma in ogni caso si può usare la scatola stessa come piatto ed il coltello come forchetta...
Sono stato in bivacchi con gourmet "duri e puri" e li ho visti scaldare sul fornello un'indegna pappetta grigia chiamata "l'Ortolana".
Mi hanno detto che erano verdure liofilizzate. Sarà, ma col peso del fornello non andiamo in pari con i miei sgombretti?
E poi, come la mettiamo con la "qualità", con il "naturale", con le "filiere corte" e, soprattutto, con il sapore?

Nessun commento:

Posta un commento