domenica 18 settembre 2011

Partigiani a Costabrunella

Non sono in molti a saperlo ma il piccolo lago di Costabrunella, in Val Malene, fu testimone di un importante episodio della Resistenza in Trentino.
Qui, il 14 settembre 1944, un rastrellamento nazista intercettò i partigiani del Battaglione Gherlenda che avevano fatto base nell'edificio di servizio del bacino idroelettrico. Nello scontro, che impegnò 73 partigiani e 300 militari tedeschi, trovò la morte anche il comandande "Fumo".
Il Presidente dell'Anpi di Trento Sandro Schmid, la staffetta parti-
Lidia Menapace e il partigiano "Prua" del Btg. Gherlenda.
Lo scorso 3 settembre finalmente è stata posta una targa commemorativa, che veramente mancava e che estende il ricordo a tutti i caduti della Resistenza in Tesino. La cerimonia è stata voluta dalle sezioni Anpi di Trento, Belluno, Feltre e Bolzano con il patrocinio dell'Anpi Nazionale e della Presidenza del Consiglio Provinciale del Trentino.

Le vicende del Battaglione Gherlenda sono state ricostruite in un bel lavoro di Giuseppe Sittoni ("Uomini e fatti del Gherlenda", edizioni Croxarie e Mosaico, Strigno, 2005). L'associazione culturale Croxarie mette a disposizione nel suo sito anche il file PDF del libro, che altrimenti risulta di non agevole reperimento.
Voglio inoltre segnalare che il post di Terre Alte "Fumo a Costabrunella" riporta le notizie essenziali sul Gherlenda.

2 commenti:

  1. grazie Cipputi: non c'ero e mi e' dispiaciuto non esserci.

    RispondiElimina
  2. Neppure io c'ero, ma c'era "il Gigi" e va bene così.

    RispondiElimina