giovedì 8 dicembre 2011

Il GPS e il software cartografico 3D RTE Reader

3D RTE Reader: la zona del Nuvolau-Averau (Passo Giau) con i sentieri in rosso,
la rete  idrografica in blu, toponimi e simboli come appaiono per default.
Il nuovo software cartografico ha un nome quasi impronunciabile ed il suo sito non brilla per immediatezza comu- nicativa. Comunque:
Immaginatevi un Google Earth basato sui dati cartografici delle carte tecniche regionali ed arricchito da waypoints e tracciati messi a disposizione di soggetti terzi, come CAI, Soccorso Alpino, Parchi Naturali, enti locali, assocazioni turistiche, etc.
► Immaginatevi che questi siano suddivisi in scenari: scenario trentino, scenario appenninico, etc.
Google Earth: la stessa zona con un tracciato "pescato" in rete e adattato alle
mie esigenze. Salvato in formato kmz va trasformato in gpx per caricarlo nel GPS.
Un po' come se si trattasse di cartelle e sottocartelle.
► Immaginatevi di poter creare e gestire un vostro scenario con i vostri waypoints e i vostri percorsi senza cambiare programma mantenendo, ovviamente, la possibilità di caricare e scaricare verso e da GPS, nonchè di stampare su carta e dialogare con Google Maps ed anche con Google Earth ed i suoi file kmz.
► Se tutto questo funzionasse davvero bene, allora si tratterebbe di un buon prodotto integrato, ed io potrei finalmente abbandonare Google Earth come "contenitore". Naturalmente continuando ad usare anche qualche cartografia digitale più montagnina come 4Land, Compe e Kompass.

Non ho avuto il tempo di «passare in uno degli Alpstation Montura per ritirare una copia gratuita del DVD con lo scenario "Trentinocome suggerisce uno dei numerosi sponsor. Per farmi un'idea dell'usabilità del lettore gratuito 3D RTE Reader (per fare tutto quello che il programma prevede in fatto di editing bisogna infatti acquistare l'editor Track View al prezzo - a mio avviso onesto - di 36,3 Euro) ho installato l'unico scenario attualmente disponibile nel web, quello relativo alle Dolomiti venete (356 mega lo scenario, 65 mega il lettore 3D RTE Reader).
Tuttavia - per ora - ho deciso di continuare ad usare strumenti separati (che conosco bene) che poi faccio convergere in Google Earth (come ho già detto nel post precedente).
Credo infatti che il prodotto (sto parlando del lettore gratuito) sconti ancora qualche difetto di gioventù che lo rende non così user friendly nell'uso pratico. Cose che riguardano l'intuitività dei comandi e la restituzione a schermo. Probabilmente si tratta di far trascorrere qualche tempo prima di acquistare l'editor Track View, cercando nel frattempo di familiarizzare con il lettore 3D RTE Reader. Vedremo...

2 commenti:

  1. 3D RTE Community25 dicembre 2011 16:35

    Ti suggeriamo di approfondire, guarda i filmati:
    1) WAYPOINTS TRACCE E KML: http://www.3drte.com/content/track-view-digital
    2) STAMPA: http://www.3drte.com/content/stampa-di-una-cartina
    3) GOOGLE MAPS: http://www.3drte.com/content/importa-da-google-maps
    Scenario Dolomiti: ti suggeriamo di aggiornarlo (vedi http://www.3drte.com/content/scarica-3dolomiti-con-le-ortofoto-colori-ad-alta-risoluzione)
    Sei male informati anche sulla sponsirizzazione: non c'è nessuno sponsor, Montura ha prodotto il DVD e Pangea (a sua cura onere e costo ha prodotto lo scenario) gratuito ! e con tutti dati ufficiali

    RispondiElimina
  2. Scusate il ritardo con cui riscontro il vs. commento. Sì, avevo già guardato tutti i video (peraltro molto chiari e ben fatti). Grazie per il suggerimento che riguarda lo scenario Dolomiti. Non polemizzo sul concetto di sponsor (chi sponsorizza il restauro del Colosseo non commette un crimine, mi pare!). Nel frattempo ho acquistato il plug-in TrackView e mi sono procurato lo scenario Trentino. Lo stò provando con calma perchè l'idea che sta alla base del vostro sw merita secondo me attenzione e sostegno anche da parte degli utenti. Questo, però, non può esimermi dall'esplicitare riserve e esprimere pareri, qualora dovesse accadere. E in ogni caso, perchè vederla grigia? Se le critiche sono costruttive non devono fare male. Senza fretta e cercando di vedere il bicchiere mezzo pieno...

    RispondiElimina