martedì 5 dicembre 2017

I canederli trentini (ricetta dialettale)

A onor del vero andrebbe detto che un "canederlo trentino" distinto e diverso da quello austriaco non è mai esistito. Il Trentino è sempre stato l'estrema propaggine meridionale del mondo tirolese e allora, nato "todèsk", il canederlo si manteneva tale anche in terra trentina...
canederli
In quanto a diffusione nelle "terre alte", i canederli se la battono con la polenta e
con le patate. In questa foto i canederli accompagnano uno stufato di montone in
alta Val Senales.
Il canederlo è sempre stato austriaco e in quanto tale mitteleuropeo e sovranazionale proprio come l'impero asburgico. Nelle diverse regioni a cambiare sono solo i nomi: Knödel o canederli sono in sostanza la stessa cosa:
Per fare dei canéderli col brodo e col ragù
se ciapa del preźemolo e se lo taia su,
farina, óvo e źigole, luganeghe col spéck,
pan vecio senza migole e 'n toc de formai sgnèc.
Se fa balòtole col pan gratà
tre', quatro fregole de ai pestà
'na meʒa chichera de lat e vin
èco i canederli del nos Trentìn.
Ensèma coi canederli noi altri ghe magnàn
'na tesa de luganeghe e 'n toc de smacafàm
ne pias polenta e fìnferli, la mòsa con él lat
capuśi con le scódeghe che vanźa fór dal piat.
Par la maiolica inoltre gh'è
capuśi e crauti su per Piné;
g'aven le trote gió lì a Toblìn
col vino santo e 'l Marźemìn (*).


(*) Inspiegabile l'assenza di riferimento al re dei vini trentini, il Teroldego rotaliano.

Nessun commento:

Posta un commento