giovedì 10 maggio 2018

L'anello del Col dela Boia da Passo Brocon

Facile, panoramica e varia, questa semplice escursione circolare nei Lagorai meridionali sta a metà fra l'ambientalismo (il "trodo dei fiori") e l'epica resistenziale (la marcia dei partigiani dalle Vette Feltrine alla Val Campelle).
passo brocon
Dalla cima del Col dela Boia verso Est. Sullo sfondo l'ampio panorama comprende Cima di Cece ei Lagorai orientali, l'intero gruppo delle Pale di San Martino, l'intaglio di Passo Cereda e il gruppo Sass de Mura-Cimonega.
col dela boia
Dalla cima del Col dela Boia verso la Valsugana. Pergiungere in cima si percorre
un tratto del suggestivo Trodo dei Fiori.
Vedi le altre foto in Google Photo.
Sono entrambi dei buoni motivi per andarci.
La gita si svolge sempre su terreno aperto che consente ampie vedute panoramiche sia verso la Valsugana che verso le Vette Feltrine.
Il sentiero è sempre evidente e ben segnato.
Dopo aver raggiunto la cima (m 2.086, ufficialmente, ma la quota reale mi sembra inferiore) il rientro avviene passando da Malga Cavallara,che nel periodo estivo svolge servizio di agritur.

GPS col dela boia
Scarica la traccia GPS da Wikiloc.
Quote e dislivelli (dati del GPS):
Quota di partenza/arrivo: m 1.620 (parcheggio)
Quota massima raggiunta: m 2.045
Dislivello assoluto: m 425
Dislivello cumulativo in salita: m 590 circa
Dislivello cumulativo in discesa: m 590 circa
Lunghezza con altitudini: km 9,5
Tempo totale netto: ore 3:00
Difficoltà: E

Descrizione del percorso: la traccia GPS toglie ogni problema di orientamento e rende superflua la descrizione dettagliata. Per chiudere l'anello e tornare al parcheggio è necessario percorrere anche un breve tratto su asfalto.

Come arrivare: il Passo Brocon si può raggiungere dalla Valsugana, via Strigno e Castel Tesino, oppure dal Primiero, via Canal San Bovo.

La marcia dei partigiani del Btg.Gherlenda: la cartina qui sotto riporta il percorso seguito dai partigiani del Battaglione Gherlenda durante la terza tappa della marcia di trasferimento dalle Vette Feltrine a Cima d'Asta nell'agosto del 1944. Il percorso è stato desunto dalla mappa inserita nel libro di Giuseppe Sittoni "Uomini e fatti del Gherlenda" ed è stato individuato sul terreno basandosi sulle tavolette dell'Istituto Geografico Militare in scala 1:25.000, che - risalendo agli anni Cinquanta - riportano ancora quella che doveva essere la rete sentieristica all'epoca dei fatti.
Battaglione Gherlenda
Il presumibile percorso seguito dai partigiani del Btg. Gherlenda è riportato in colore viola sulla tavoletta IGM 1:25.000. La tratta è lunga una decina di chilometri e va dal Rif. Croset fino a Malga Telvagola. Costituisce la terza delle quattro tappe in cui venne suddivisa la marcia di trasferimento del neo-costituito Btg. Gherlenda da Malga Pietena (nelle Vette Feltrine) a Malga Val del Lago (in Val Malene, Lagorai). L'anello in colore arancio riporta invece il percorso dell'escursione descritta in questo post.

Nessun commento:

Posta un commento