sabato 24 gennaio 2015

La microscopica birreria Forst di Venezia

Si trova in Calle delle Rasse, giusto dietro l'Hotel Danieli e in realtà è un bàcaro, cichéti compresi.
La Forst veneziana assomiglia più a un bàcaro che a una birreria. Alla tradizione
del cichèto (lo stuzzichino che accompagna l'ombra di vino) si accompagna la
mescita delle birre Forst. Arrivati in Calle delle Rasse bisogna tenere gli occhi
aperti perchè l'insegna è minuscola ed è facile passarci davanti senza vederla.
Birreria Forst
Per i nostri standard è veramente minuscola, sei piccoli tavolini concentrati in
pochi metri quadrati, eppure per lo standard del bàcaro veneziano, dove di
solito si beve in piedi, è più che confortevole. Del resto questa è una città di
mare dove tutto, dai vicoli ai gabinetti, è minuscolo e quindi perchè stupirsi?
Più che una birreria, la Forst di Venezia è un vero è proprio bàcaro, una di quelle piccole osterie della tradizione veneziana, ed è infatti nel corso di un "giro di bacari" che l'ho scoperta.
I bàcari erano un tempo i vignaioli e i vinai che venivano a Venezia con un barile di vino per venderlo in piazza assieme a qualche spuntino. Il bicchiere di vino si chiamava ombre perchè i vignaioli si spostavano con l'ombra del campanile per tenere il vino più fresco. Poi diventarono stanziali, piazzandosi in piccoli megazzini che fungevano anche da mescita.
Non erano dei ritrovi di buona nomèa o ben visti dalla gente dabbene, tant'è vero che anche oggi quando si vuol definire un bar scadente in quanto a mobilia o pulizia lo si definisce "bàcaro".
La vecchia osteria malandata e generalmente vista male perché considerata un ritrovo per alcolizzati, si è oggi "rinnovata" diventando uno degli elementi caratteristici della città che spesso non offre soltanto
Birreria Forst
Per un elenco dei principali bacari/trattoria vedi www.thatsvenice.it o anche
in www.agrodolce.it. C'è anche una mappa completa con gli orari di apertura.
cicheti e ombre più o meno di qualità, ma anche portate complete.
L'evoluzione contemporanea vede i bàcari trasformarsi in veri e propri ristorantini finto stazzonato, dal look finto grezzo, in realtà curato nei minimi dettagli per dare l'impressione della tradizionale osteria, trappoloni che nascondono prezzi alti e prodotti standardizzati di piatti presentati come tipici veneziani.
Birreria Forst
Le pareti sono coperte da fotografie, quadri, immagini o citazioni, come questo
omaggio allo storico LP "Welcome to the canteen" dei Traffic.
Col tempo i cicheti stessi si sono fatti sempre più stuzzicanti e invitanti, quasi a sostituire un
pasto che si consuma in compagnia al banco, o seduti ad un tavolo di legno circondati da un clima informale.
Alcuni esempi di cicheti da provare: mezi òvi (mezzo uovo sodo con acciughe sotto sale); folpeti (polipetti bolliti); spiensa (milza); sepoine (seppie bollite); òvi de sepa (uova di seppia); bovoeti (chioccioline di mare); schìe (gamberetti piccolini); castraùre (carciofi della laguna); rumegàl (interiora di vitello); canòce (cicale di mare); masanete o moleche (granchi molli); museto (cotechino); frito de minuagia (fritto di piccoli pesciolini); garusoi (piccole lumache di mare); peoci gratinai (mitili gratinati); nervetti con cipolla.
▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

Questa mappa è il risultato di una scarpinata di 22 chilometri fra calli e ponti e posso dire di essermi tolto una curiosità: i veri bàcari sono rimasti in pochi (come i veri rifugi in montagna) ma ci sono ancora. Gli altri sono normali ristorantini, e nulla più. Nell'elenco c'è anche qualche posto un po' montato, che promette più di quanto dà. La birreria Forst ha il numero 25.

4 commenti:

  1. in calle lunga s.barnaba, sietro cà rezzonico, c'era (dovrebbe esserci ancora...) la trattoria "ai 4 feri". Gestita da una simpatica banda (la betty, la barbarona, davide...), abitavo lì vicino durante la settimana e mi hanno nutrita coccolata riscaldata e consolata per anni!
    Menù corto, piatti semplici, onesti e leggeri (lo so per certo, sono stata seduta sulla scoazzera in cucina a ciacolar col Davide innumerevoli ore, e a fumar la cicca sul retro :)
    Se ti capita di farci un salto, salutameli tanto se sono ancora loro (dalla francesca di Bolzano) e dì a la betty che la speto, bruta marantega!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Missione compiuta, in ritardo ma compiuta. Sono ancora lì tutti e tre e ti salutano.Sono stati contentissimi di sentir parlare di te. Li ho fotografati (scoazzera compresa), dammi tempo di svuotare la scheda e ti mando gli scatti. Ciao!

      Elimina
    2. :):):):)

      sono quasi commossa. Senza quasi :)

      Elimina
  2. Cavolo, è un incarico che mi prendo molto volentieri. Non passerà molto tempo per la prossima scarpinata. Hai altre dritte?

    RispondiElimina