domenica 5 giugno 2016

Il Grosser Mittager meranese (Sarentini)

Vista sulle cartine questa montagna tondeggiante che si trova tra gli impianti sciistici di Merano 2000 e la Val Sarentino passa inosservata e dice poco, anche perchè appare avviluppata da una ragnatela di impianti di risalita, strade e stradelle, baite e costruzioni varie, baretti e finti rifugi.
Grosse Mittager Monte Catino
La neve deve ancora andarsene ma le ciaspole non sono più necessarie. Dalla Kesselberg Scharte (m 2.264) l'Ifinger/Picco Ivigna, sulla sinistra, mostra un profilo inconsueto. Le cime delle Platten/Lastoni di Verdins si prendono il centro della scena. Sulla destra la Kesselberghütte, che non è un rifugio ma un ristorante al servizio di un impianto di risalita per lo sci. 
Grosse Mittager Monte Catino
Merano vanta dintorni spettacolari: trai Waale e le Promenaden, le cime rocciose e le
alte vie c'è solo l'imbarazzo della scelta. Questa grossa gobba erbosa non è fra le più
blasonate ma quando ci arriviamo restiamo sorpresi dall'apertura del panorama. E'
come alzarsi dal letto e affacciarsi dal balcone. Le vicine Villanderer e Kassian
Spitze, l'Ifinger e i Sarentini.
Vedi le altre foto in Picasa Web Album.
Ma se ci si arriva quando la neve ormai se n'è andata ma le frotte estive devono ancora arrivare, ecco che le cose cambiano.
In questo tempo sospeso panorami e aria fina la vincono sugli sfregi al paesaggio e al buon gusto e sull'ampia cima del Mittager, che si rivela un gran balcone panoramico. si respira un'atmosfera decisamente alpina.

Quote e dislivelli:
Quota di partenza/arrivo: m 1.910 (cabinovia Falzeben-
Piffing)
Quota massima raggiunta: m 2.442 (Grosse Mittager/MonteCatino)
GPS Grosse Mittager Monte Catino
Scarica la traccia GPS da Wikiloc.
Dislivello assoluto: m 532
Dislivello cumulativo in salita: m 922
Dislivello cumulativo in discesa: m 910
Lunghezza con altitudini: km 14,2
Tempo totale netto: ore 4:45
Difficoltà: E

Descrizione del percorso: dalla stazione a monte della cabinovia proveniente da Falzeben (m 1.910) si segue la larga strada bianca che si dirige a Nord-Est, penetrando
nell'altopiano. Si tralascia la deviazione che a sinistra sale all'Ifinger/Picco Ivigna ed anche quelle che discendono sulla destra; si prosegue lungo l'intuitivo percorso fino alla grande stazione sciistica di Kesselberg (m 2.302). Da qui si perde quota traversando l'ampia sella Kesselberg Scharte (m 2.264) che ci collega alla spalla Ovest della Windspitze. Raggiunta la cima della Windspitze (m 2.392) si prosegue salendo verso est fino alla lunga cresta erbosa che costituisce la cima del Grosse Mittager (m 2.422).

Per il ritorno si torna sui propri passi fino alla spalla Ovest della Windspitze da dove si devia puntando alla sottostante grossa struttura della Mittagerhütte (m 2.260, impianti). Da qui ci si muove puntando al sottostante fondovalle solcato dal Sinichbach/Rio Sinigo che si raggiunge toccando prima la Kirchsteigeralm (m 1.945). Da qui si risale lungo la strada bianca riprendendo quota sino a intercettare la strada bianca già seguita per la salita e si torna alla stazione della cabinovia (m 1.910).

Come arrivare: si lascia la superstrada Bolzano-Merano a Sinigo salendo in direzione Schenna/Scena e proseguendo poi per Aflinger/Avelengo fino al grande parcheggio in località Falzeben (4 Euro) da dove parte la cabinovia che sale a Merano 2000.

Nessun commento:

Posta un commento