domenica 21 agosto 2016

Traversata Valletta-Fornasa (Lagorai)

Questa traversata da bivacco a bivacco è in realtà un giro ad anello con partenza e arrivo dal ponte di quota 1.450 sul Rio Cadino (versante fiammazzo della strada del Passo Manghen).
Malga Valletta e Malga Fornasa
La forcella di quota 2.200, che mette in collegamento le due ex-malghe, entrambe appartenenti al Comune di Fornace ed entrambe trasformate in bivacco. Sullo sfondo il piccolo Monte Cadin, la forcella Fregasoga e la lunga dorsale del Monte Fregasoga, ai piedi del quale si trova il bivacco Malga Valletta Alta.
Malga Valletta Alta
L'ampio locale a pianterreno del bivacco Malga Valletta Alta, fornito di tutto quanto
può servire per trascorrere delle serate "da simposio". Al piano superiore la zona
notte è dotata di reti ma non di materassi.



Questa escursione ad anello può agevolmente essere fatta in giornata ma meriterebbe almeno un pernotto, nonostante le reti di entrambi i bivacchi siano senza materassi e coperte (vuoi vedere che è un sistema per tenere lontani i maleducati fracassoni?).
Malga Fornasa Alta
Anche il bivacco Malga Fornasa Alta dispone di ampi spazi a pianterreno dotati di
quanto serve per cucinare. Al piano superiore le reti sono anche qui senza materassi.
Vedi le altre foto in Google Photo.
é comunque un giro che di sicuro piacerà ai camminatori in cerca di bivacchi e posti poco battuti.
Lo scavalcamento alto al Buson di Fornasa avviene puntando "ad occhio" ma su terreno aperto la forcella di quota 2.200 e il ritorno a Malga Valletta Alta per un sentiero comodo ma non ancora riportato da tutte le cartine.
GPS Malga Fornasa e Malga Valletta
Scarica la traccia GPS da Wikiloc.
Da queste parti nemmeno a ferragosto c'è il pienone, al massimo qualche famigliola attratta dal modesto dislivello che dall'auto porta alla comoda meta e la sera torna a valle.
Scegliendo invece il più impegnativo giro ad anello ci si arrampica in alto, sulle pendici settentrionali del Monte Croce, un posto molto poco frequentato e quasi ignorato dalle cartine escursionistiche. E qui non c'è più nessuno...
Quote e dislivelli (dati del GPS + carta tecnica provinciale):
Quota di partenza/arrivo: m 1.434 (spiazzo Baita Fornace)
Quota massima raggiunta: m 2.240 (forcella sopra il Buson di Fornasa)
Dislivello assoluto: m 806
Dislivello cumulativo in salita: m 1.080
Dislivello cumulativo in discesa: m 1.074
Lunghezza con altitudini: km 14,2
Tempo totale netto: ore 4:30 AR
Difficoltà: EE (per la difficoltà nell'individuare il percorso nella conca sotto il Monte Camin, altrimenti E).

Descrizione del percorso: la traccia GPS toglie ogni problema di orientamento e rende superflua la descrizione dettagliata,anche nel tratto che precede la forcella di quota 2.240 e che poi scende al Bivacco Malga Fornasa Alta. Chi intende salire da Malga Valletta Alta a Malga Fornasa Alta tenga presente che l'inizio del (ben tracciato) sentiero è segnato da un ponticello in legno sul Rio Valletta ed è privo di segnaletica. Va quindi individuato "de visu", venti metri più in basso dell'evidente palina segnaletica della SAT.

Come arrivare: lungo la strada per Passo Manghen (la Val di Fiemme) si sale fino al tornante sinistrorso di quota 1.440.Quisi lascia l'asfalto prendendo la strada bianca che si stacca sulla destra e scavalca il Rio Cadino. Cento metri dopo c'è la Baita Fornace, col suo spiazzo-parcheggio.

Nessun commento:

Posta un commento