martedì 14 marzo 2017

Groste de polenta

Con l'autunno arrivava la stagione dei piatti sostanziosi, quelli che annunciano l'imminente inverno. Polenta e coniglio erano un lusso domenicale, e non per tutti (ma per fortuna la polenta schiudeva anche altre possibilità).
polenta, crauti, luganega, fasoi en bronzon, formai
Il paiolo della polenta introduceva all'hard-core della cucina della nonna,
che era fatta di piatti sostanziosi: i fasoi en bronzòn, il carrè di maiale,
le luganeghe coi crauti, tra gli altri. Ma era la polenta a comparire più
spesso in tavola, fatta in cento modi diversi: polenta e latte, con le patate
saltade, coi ovi e patate, col formai de malga, eccetera. 
Le famiglie col cacciatore in casa avevano una possibilità in più perchè la lepre o il capriolo potevano arrivare fin sui deschi più umili.
Era un bel vantaggio che gli ultimi delle terre alte avevano sugli ultimi di città.
Per i bambini seguiva, a margine, la festa delle groste de polenta, ore fatte di cibo e divertimento, come ci ricordano i versi del rivàno Cornelio Galas.

"Ah, la scominziéva prima de mezdì la festa. 
Perchè i tòchi de cunèl i era en padèla zà dopo colaziom. E drio mam (no gh’era quela pronta, zac e tac de ades) se tacheva sora la fornèla (Cornelio, va zò a tòrme do stéle) el paròl de la polenta.
De colp, en tuta la cà te sentivi sti dó profumi.
Quel del cunèl che 'l rosoléva col so spìch, la salvia e bàche de zinèver.
Quel de la farina Zalda, da misciar (svelto che se no se fà i petolòti).
Te magnévi col nàs prima che cola bóca.
Finì la carne: via col pòcio e se vanzéva polenta ma finìva el rèst. Gh’era semper el formai gratà da méterghe sora come fussa zucher a velo.
Ma la storia no la finiva lì.
El parol el finiva sul pontesèl se spetéva che se sechés tut. 

E pò via, de nare, svèlti demò la gara coi cortèi a ciapar quele groste salàe che le te féva nar for da mat come adès le patatine." (testo di Cornelio Galas, tratto da Facebook)

Nessun commento:

Posta un commento