martedì 24 gennaio 2017

Sul Corno della Paura (Monte Baldo)

Semplice camminata fra dossi panoramici fortificati dagli Austriaci e strade  militari tagliate nella roccia, passando anche da un bivacco completamente in pietra ricavato da una vecchia casera in"stile Lessini".
Corno della Paura
Dalla piazzola d'artiglieria del Corno della Paura verso il dosso Le Colme de Vignola, che nasconde il Monte Vignola. Sulla sinistra l'Altissimo di Nago. Tra i due, sullo sfondo, il Gruppo di Brenta, il Monte Stivo, Cima Alta e le Tre Cime del Bondone.
Corno della Paura
La strada militare che collega il Monte Vignola al Corno della Paura. Dall'altra par-
te della Val d'Adige il vasto altipiano dei Monti Lessini, con il rifugio Castelberto
ben visibile al suo margine settentrionale.
Vedi le altre foto in Google Photo.
Ci troviamo sulla verticale del Castello di Avio, esattamente dove correva il confine tra l'Impero Austro-ungarico e il Regno d'Italia. Questa ariosa camminata in quota sfrutta ancora oggi la rete di strade militari costruite dagli austriaci dopo il 1866, quando gli imperiali persero il Veneto e il confine coi regnicoli risalì la Vallagarina fino a Borghetto.
GPS Corno della Paura
L'itinerario comprende la deviazione dalla strada militare necessaria per visi-
tare il bivacco Vignolet.
Scarica la traccia GPS da Wikiloc.
Dall'altra parte della valle c'è l'altipiano dei Lessini, altrettanto ricco di pascoli e povero di alberi. Di qua e di là dell'Adige malghe e casere sono state costruite interamente in pietra, compreso l'originale bivacco Vignolet, ricavato appunto dagli edifici di una malga dismessa.

Quote e dislivelli (dati del GPS):
Quota di partenza/arrivo: m 1.291 (parcheggio)
Quota massima raggiunta: m 1.578
Dislivello assoluto: m 287
Dislivello cumulativo in salita: m 908
Dislivello cumulativo in discesa: m 898
Lunghezza con altitudini: km 14,0
Tempo totale netto: ore 4:15 AR
Difficoltà: E

Descrizione del percorso: la traccia GPS toglie ogni problema di orientamento e rende superflua la descrizione dettagliata.

Come arrivare: si lascia la A22 al casello di Rovereto Sud dirigendo poi verso il Lago di Garda. A Mori si imbocca la strada per Brentonico, lo si supera e ci si dirige agli impianti sciistici della Polsa. Grande piazzale-parcheggio all'altezza del Campeggio Polsa.

Nessun commento:

Posta un commento