giovedì 17 maggio 2018

Un trancio di pesce spada alla piastra, scottato un po' troppo ma poi accompagnato alla maniera siciliana...

Pesce spada congelato e quattro tradizionali ingredienti di gusto meridionale (capperi, olive, olio d'oliva, pomodori). Qui da noi vuol dire tutto e solo da centro commerciale: eppure, se fatto alla piastra...
pesce spada alla siciliana
Una volta scongelato, si lascia maturare con olio e pepe.
La mitologia vuole che "Ogni anno, da aprile ad ottobre, il pesce spada, il cui nome scientifico è Xiphius gladius L., passa attraverso lo stretto di Messina ed i pescatori messinesi, a bordo delle loro barche chiamate feluche, lo pescano per portarlo sulla tavola".
Tutto molto evocativo, ma qui in Valsugana cercare il pesce spada "fresco" nei banconi dei mercati è assurdo.
Forse è un tantino più fresco il pesce azzurro, che arriva da Chioggia, ma non certo il pesce spada, che arriva da lontano: molto più sicuro affidarsi al surgelato, sempre che la catena del freddo non sia stata rotta per strada...
pesce spada alla siciliana
Ed eccolo messo in tavola con un filo d'olio crudo e spolverato di pepe nero. Si accompagna ad un trito grossolano fatto di pomodori, aglio, olive denocciolate, capperi sotto sale, olio di oliva. Sono ingredienti siciliani (pesce spada, capperi, olive, olio d'olive, pomodori). Se si brucia un po' - o anche tanto, come nella foto - si può spazzolare via la crosticina scura. Mica sempre ci si riesce...

Nessun commento:

Posta un commento