domenica 22 luglio 2018

L'origano cubano, una piccola pianta grassa e aromatica chiamata anche "il maiale dei poveri"

Alle nostre latitudini può rimanere all'aperto solo d'estate. Nei mesi freddi va tenuto sempre al chiuso, dove fa anche la sua figura sui davanzali di casa.
origano cubano
L'origano cubano nel giardino di casa. Le sue foglie carnose si mangiano al natu-
rale, su altri cibi per aromatizzarli, come ingrediente nelle ricette caraibiche o co-
me condimento nei piattti di pesce.
E' una pianta perenne, a foglia larga e grassa che nelle nelle caraibiche isole Barbados è conosciuta anche come “poor man’s pork” (il maiale dei poveri) perchè si mangia anche fritto, come usano gli inglesi col loro bacon.
Alle Barbados le foglie si mangiano al naturale, su altri cibi per aromatizzarli, oppure come ingrediente nelle ricette tradizionali, come il tipico Barbadian Bajan, un condimento per il pesce. L’origano cubano è immancabile nella cucina locale, e l’antica usanza era di friggerne le foglie per mangiarle come il bacon: da qui viene il termine confidenziale con cui è conosciuto (poor man’s pork).
poor man's pork
Vive benissimo anche in Valsugana, ma solo d'estate. D'inverno basta la più insignificante gelata per ammazzarla.
origano cubano
Insalata di pomodoro dell'orto, cipolla di Tropea e origano cubano.

Nessun commento:

Posta un commento