venerdì 21 settembre 2018

Lo Ziegenbockbraten è l'arrosto di capra, una pietanza dimenticata da mezzo secolo almeno...

Quando ormai se n'era perduta memoria praticamente dappertutto, eccolo ricomparire al rifugio Monteneve, nell'antico villaggio minerario dell'alta Val Passiria.
ziegenbraten
Lo Ziegenbockbraten al Rifugio Monteneve viene servito assieme ai classici Knödel.
Ed era anche ora che qualcuno si decidesse a rimetterlo in tavola!.
Pecore e capre, infatti, da più di cinquant'anni erano scomparse dalle cucine sudtirolesi e trentine, come se i contadini delle terre alte si fossero vergognati delle loro umili origini, optando per le carni del pollo di batteria e del vitello estrogenato.
Così, rincorrendo il modernismo degli anni Cinquanta, vennero buttati alle ortiche secoli e secoli di cultura materiale e cucina contadina dei popoli di montagna.
Solo oggi, sull'onda della riscoperta modaiola e salutista dei formaggi ovini, assistiamo ad una (timida) riscoperta dei piatti di carne ovina ingiustamente sfrattati dalle tradizioni alimentari e culinarie del Sudtirolo e del Trentino.
ziegenbraten
I locali dello Schneeberg Hütte/Rifugio Monteneve, nella Passeiertal/Val Passiria, sono stati ricavati nei dormitori dei Knappen (minatori) delle antiche miniere di stagno, rame e zinco, miniere medioevali che sono rimaste attive fino alla seconda metà del Novecento.

Nessun commento:

Posta un commento