venerdì 8 marzo 2013

Il Rif. Potz Mauer da Cauria di Salorno

Un posticino per famiglie e gente tranquilla, immerso nei boschi fra Salorno e Grumes, da una parte la Val d'Adige e dall'altra la Val di Cembra.   escursioni_invernali escursioni_Lagorai
Da Caurìa-Gfrill, verso il Gruppo di Brenta.
Una menzione particolare alla gestione, poco propensa a rincorrere le mode e consapevole che, se non si è al centro delle Dolomiti, le persone vengono solo se c'è qualcosa di diverso dal localino sotto casa.
Il posto è raggiungibile sia da Salorno che dal Lago Santo di Cembra e si trova al confine fra le due provincie autonome.
L'ampia spianata con il rifugio Potz Mauer. escursioni_invernali
Le altre foto sono in Picasa Web Album.
Arrivando da Salorno bisogna prendere la stra asfaltata che porta a Cauria-Gfrill, amena località montana con alberghetto e parcheggio (m 1.344).
Il sentiero, ampio e comodo, s'insifila ben presto nel bosco e porta senza difficoltà e con qualche saliscendi ad uno spiazzo che ospita il Bait del Zucherin (m 1.470 circa).
Da qui si scende gradualmente fino al rifugio Potz Mauer (m 1.292) che si trova al centro di una spianata nel bosco, che lo circonda tutto e che purtroppo preclude la vista sulla Val d'Adige.
Scarica traccia GPS da Every Trail.
Da notare che il "su e giù" che il sentiero compie nel bosco comporta, fra andata e ritorno, una salita cumulativa di 650 metri distribuita su un percorso di 13 chilometri.
Una cartina aiuta a districarsi fra le indicazioni dei numerosi sentieri e stradelle che solcano la zona.
Andata e ritorno su neve dura e a passo tranquillo: 4 ore.
Per chi preferisce salire dal versante cembrano, ecco il link al post col percorso che arriva dal Lago Santo di Cembra.

5 commenti:

  1. mi sono ripromessa da mo' di andare a trovare il Baffo dello Stivo, non avevo pensato di andarci d'inverno: mi hai dato una buona idea :)

    RispondiElimina
  2. Se puoi non andarci di domenica, il rifugio non è molto grande e fa presto a riempirsi. Con la neve di adesso si può andare senza ciaspole. Ciao!

    RispondiElimina
  3. Faccio tesoro del consiglio: il mio compagno turnista ci permette di muoverci in settimana invece che nei we. Intanto devo smettere di tossire come un cane, speriamo la neve tenga!

    RispondiElimina
  4. L'influenza di quest'anno è veramente brutta. Va via ma torna quando meno te lo aspetti, peggio di Terminator (chiamiamolo così, il bastardo). E il turnista, niente choff choff?

    RispondiElimina
  5. altroché! io mi sono limitata a 3 giorni con 38 di febbre, lui ha fatto caduta e ricaduta a 39,5, la tira avanti dai primi di febbraio. Ci trasciniamo in giro come bruchi, sci e ciaspole intnse :S

    Vabbe' arriveranno giorni migliori e pure il bel tempo.

    RispondiElimina