sabato 27 ottobre 2012

Sotto la pioggia a Malga Valletta Alta

La ex-Malga Valletta Alta è posta sulle pendici orientali del Monte Fregasoga (Lagorai) a 1.795 metri di quota.

I volontari del paese curano gratuitamente la manutenzione della struttura: fanno legna, puliscono il camino, controllano l'impianto del gas, dell'acqua e quello fotovoltaico, curano i sentieri con un lavoro encomiabile che meriterebbe maggior considerazione da parte di escursionisti e turisti.
Per non parlare di quei pochi incivili che se ne vanno dopo aver consumato legna e gas senza nemmeno portarsi dietro le immondizie che hanno prodotto, gentiluomini del tipo "mi no pago le tasse".

Il locale cucina a piano terra visto dal dormitorio. Oltre al-
l'acqua corrente, c'è anche il gas e l'illuminazione elettrica.
L'assessore comunale mi dice - sconsolato - che dopo gli ultimi episodi di danneggiamento l'amministrazione sta valutando la possibilità di limitare l'uso (sempre gratuito) solo a chi si presenta a ritirare la chiave.
Una ipotesi che preferirebbe evitare - mi dice mostrando l'avviso all'interno del piano terra - ma che se l'andazzo continua dovrà essere presa in seria considerazione.
Come non concordare, come difendersi dai teppisti che non mostrano la faccia e danneggiano l'intera comunità?
Per ora mancano ancora i materassi. Le reti son cinque
ma lo spazio aggiuntivo non manca.
Intanto la legna viene accatastata al coperto per lasciarla stagionare all'asciutto, poco più in basso prende forma un ponticello pedonale destinato al nuovo, più breve e diretto sentiero che porterà più comodamente a Malga Fornasa Alta.
Terminati i lavori ci facciamo tutti una foto sul nuovo ponte.
Alla fine i "manutentori" partono per passare la notte nella più ampia Malga Fornasa.
Noi quattro cominciamo a spentolare e srotoliamo i sacchi a pelo.
Si dorme sul duro, le cinque reti sistemate al piano superiore sono prive di materassi. Ma va bene lo stesso, ci mancherebbe altro!

3 commenti:

  1. Agosto 2013
    La Malga è ancora tenuta in ottime condizioni, in ordine e con una dispensa abbastanza rifornita delle "piccole cose" che servono per far da mangiare: sale, zucchero, olio, thè, caffè e qualche biscotto.
    Fornelli a gas fino ad esaurimento bombola (lavori lungo il sentiero impediscono di portarne un'altra una volta esaurita l'attuale)
    Stufa a legna
    Zona notte con 4 reti senza materassi.
    Acqua in abbondanza
    Bagno (!)

    RispondiElimina
  2. Qualche indicazione:
    Il posto dove si può lasciare la macchina (Baita Fornasa) si trova tra il Km 30 e il 29 della strada per il passo Manghen (SP31), salendo da Molina di fiemme, c'è una stradina sulla destra con l'indicazione "Malga valletta Alta".
    Assenza totale di segnale per i telefonini, almeno per il mio.
    Tra parcheggio e Malga c'è circa un'ora di camminata tranquilla, sentiero ben segnalato tranne l'ultimo pezzo (ma a quel punto è difficile non trovare la Malga!)
    Posto bellissimo!

    RispondiElimina
  3. Grazie per le indicazioni aggiuntive!

    RispondiElimina